Pausa pubblicità

Una cosa delle pubblicità non ho mai, realmente, capito:

i protagonisti, gli attori, di queste perchè sorridono goliardicamente, sempre, sempre e sempre?

 

Arriva un estraneo che entra in casa tua e comincia a lavarti i vestiti insultandoti poichè non hai i detersivi giusti in casa e te sorridi.

 

Un cane pieno di pulci ti si scrolla addosso e te, mentre gli cospargi il collo di veleno, sorridi.

 

Vai al supermercato e sorridi.

 

La macchina sorride mentre ti fa l’ occhiolino.

 

Le patatine fritte sorridono.

 

I pupazzi parlanti made in China sorridono.

 

Bambini intenti a giocare con carte plastificate sorridono.

 

Madri impegnate a disinfettare il cibo sorridono.

 

Le verande ti sorridono.

 

Le giacche ti sorridono.

 

I profumi ti sorridono.

 

Modelli e modelle ti sorridono.

 

Le scarpe ti sorridono.

 

Sarò un pò monotono ma non ci si sente più soli, ti viene da sorridere, e ringraziare, tutta quella compagnia, non ce n’era bisogno, davvero.

 

Il liquore ti sorride.

 

Vai in bagno e, mentre sei intento a espellere i tuoi escrementi, ti senti osservato.

 

Il borotalco ti sorride.

 

Stai dormendo e, immerso nell’ oscurità, c’è sempre qualcuno.

 

Il deodorante.

 

Il Grande Fratello fa di tutto per attirare la tua attenzione: canta, balla, sorride, e te rimani affascinato, Orwell aveva capito tutto, ma al rovescio, il Grande Fratello non si nasconde per spiarci ma scende in campo.

 

Gli spinaci surgelati.

 

Rilassiamoci con un disco di musica classica, o dei Sigur Ros, mentre il nostro cervello traspira aria da tutti i pori.

 

I dvd.

 

Pugni e sassi fan male alle ossa, ma non c’è parola che toccar ti possa.

 

I videogiochi.

 

Ehi, ragazzi, cos’ è tutto questo silenzio? Io sono qui, in vacanza, mi danno a pensare a cosa poter scrivere, e voi? State in silenzio? Non si fa così…

 

I libri.

 

Non sono un matto, come pensate, non sto facendo il pagliaccio per attirare l’ attenzione.

 

Le banche.

 

Occhei, occhei, sentite questa:

<<Era una fresca e frizzante mattina nella contea di GreenWorld, quando il signor Petterson si svegliò senza più un braccio, ma questa non è la mia storia, anzi non è neanche il mio paese, cambiamo luogo, seguitemi.

Eccomi, sono Woland, dal diavolo protagonista de “Il Maestro e Margherita.”, i miei genitori sono fissati con Bulgakov, il nome m’ ha causato varie discriminazioni dalla materna in su, e, a volte, mi affido ad un secondo nome, inventato da me, tipo: Federico, Niccolò, Giorgio, eccetera. Adoro l’ arancione, il lilla (anche se, come dice mio fratello, è un colore per finocchi) e il cantante Nick Drake, morto il 25 Novembre 1974, di domenica, a casa dei suoi genitori.>>

Bello questo come inizio per un libro/film di successo, no?

 

La giacca di pelle.

 

A tutti i passeggeri di prima classe

della Regent-Pacific Airlines: attenzione!

 

Avete riscontrato perdite di capelli e/o presenza di piattole in seguito al contatto con le fodere, con i cuscini o le coperte della suddetta compagnia aerea? Se desiderate prendere parte a un’ azione legale collettiva, contattate il seguente numero.

 

 

Il cibo per gatti.

 

Pidocchi o piattole? Come qual è la differenza?

 

Le pentole d’ acciaio inossidabile.

 

Dai a te stesso, alla tua vita, solamente un’ altra possibilità. Chiamami se hai bisogno di aiuto.

 

Il cellulare.

 

Il segreto per bollire le aragoste è semplice. Per prima cosa riempite una pentola di acqua fredda con un pizzico di sale. Potete usare in egual misura acqua e vermouth o vodka. Per dare al tutto un aroma più forte potete anche aggiungere alghe marine. Questi sono i principi fondamentali che insegnano al corso di Economia Domestica.

 

I fast food.

 

Qual è il modo più veloce per tappare fori di proiettile nelle pareti del soggiorno?

La risposta è: pasta dentifricia. Per grossi calibri, miscelate una egual quantità di amido e sale.

 

Computer.

 

Nessuno vi insegna che una crema idratante tinta di verde aiuta a nascondere lividi ed ematomi. E ogni gentiluomo che sia mai stato schiaffeggiato da una signora, con il suo bell’ anello di brillanti saprà che una matita emostatica può fermare l’ emorragia. Chiudete lo squarcio con un po’ di supercolla e potrete essere fotografato a una prima cinematografica, sorridente e senza cicatrici o ferite.

 

Diamanti.

 

Poi mi dite dove ho trovato queste informazioni.

 

Acqua minerale.

 

E se qualcuno lo sa: taccia, meglio lasciare gli altri con il ragionevole dubbio.

 

JosefK aspetto un tuo commento che chiuda l’ intervento come solo tu sai fare. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Intrattenimento. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Pausa pubblicità

  1. Josef ha detto:

    Pop Art da Generazione XLa merce è il feticcio. Non sono certo io ad averlo capito.Neanche Orwell nel suo genio avrebbe potuto vedere un grande fratello in quell’amorevole circo che è la pubblicità, il totalitarismo è pubblicità. Intimidazioni mascherate da sorrisi.P.s.Mi stai prendendo troppo sul serio.

  2. Scaglia ha detto:

    Scusami…

  3. Josef ha detto:

    Dovrei scusarti per cosa?

  4. Scaglia ha detto:

    perchè ti prendo troppo sul serio

  5. Josef ha detto:

    Ah, ecco…

Scrivi pure qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...