3

-Allora chi viene?
-I soliti.
-Stasera alle otto?
-No, fai alle sette e mezza.
-Occhei, ciao.
-Ciao.
 
Non esco per due precisi motivi:
non ho soldi, non che possa usare in futili oggetti;
non ne ho voglia.
Insomma: passare una serata a vedere i propri compagni
fumare, bere, parlare e rifumare… non è il massimo.

Io da parte mia il fumo lo lascio perdere,
il bere… non lo reggo (o forse sì? a dir la verità non ho
mai provato a darci giù di peso),

e il parlare. Il parlare… uhm… meglio ascoltare che parlare.
Quando si tirano fuori argomenti dall’alto profilo culturale
come “meglio le cartine senza colla (ottoman) o quelle con (fumosan)?” o “Questa
doppio malto è davvero schifosa, la prossima volta mi compro una guinness! O
forse una peroni?”, bhè, insomma, si rimane così felicemente colpiti dalla
grandezza della questione che proferire parola sarebbe poco educato e altamente
azzardato, nel mio caso.

 
Oggi ho guidato per due ore, e mi si sono rammollite le
palle, non nel senso metaforico.

A fine esercizio mi sono sollevato dal sedile per lasciar
posto a mio padre e mi son reso conto di un precario e feroce dolore ai
testicoli.

Accetto consigli su come star seduti al volante senza schiacciarsi
le noci tra le gambe.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a 3

  1. Azzurra ha detto:

    Fino a pochi anni fa uscivo anch’io con i miei compagni di classe, poi, quando mi sono accorta che il sabato sera tornavo a casa sempre prima (vuoi il fumo, vuoi la birra, vuoi il superalcolico, vuoi le battute oscene, vuoi, appunto, i grandi temi di conversazione), ho iniziato a chiudermi in casa anch’io. Poi il liceo è finito e finalmente scelgo io con chi uscire..ok, la compagnia si è dimezzata.. ma non sai quanto sto bene, quante risate e quante chiacchierate fino a notte fonda!! :)C’è chi riesce ad omologarsi e chi, per tanti motivi, non ci riesce. O non vuole. Magari a distanza di tempo vedrai quella festa come l’inizio di un cambiamento..positivo..Per il problema della guida spiacente ma non ti posso aiutare! xD

  2. ariel ha detto:

    …ci vuole un uomo..indiscutibile!!..cmq capitava anche quando la tua eta’ce l’avevo ..Io!..dopo un po’le compagnie mi tediavano a morte..c’era il rito dell’aperitivo e poi un sacco di parole inutili sul nulla…e sul decidere cosa fare!!arghhh…due maroni!!al liceo ho cominciato a scegliere con chi uscire una due tre persone era il numero ideale… ma con quella o quelle avevo scambio!!..quelle amicizie durano una vita…se lo vorrete!!..io non fumavo…o cmq facevo finta…e poi il succo di pomodoro condito mi faceva schifo!!bleah!!.-))

  3. Edoardo ha detto:

    Wow! Le tue serate con gli amici sono identiche alle mie (tranne per l’alcol che reggo benissimo; il mio portafogli un po’ meno). Ogni tanto, fra i discorsi, irrompo con battute che cercano di articolarsi per sentirmi dire da loro: "Ma la pianti di dire cazzate?"Certo che viviamo in un mondo strano!

  4. Josef ha detto:

    Io esco a prescindere. Se ci sono i soldi o meno, se ci sono argomenti o meno, se ci sono amici o meno. Qualcuno con cui discorrere di aria fritta lo si trova sempre, un’euro per una peroni si può raccimolare, inoltre i testicoli non mi fanno male neanche dopo svariate ore di guida.

  5. Scaglia ha detto:

    Azzurra: la festa è stata una delle tante svolte, ma non la fondamentale! (cosa ho detto?)Ariel: il succo di pomodoro condito non l’ho mai assaggiato, ma mi fido.Edo: almeno a te dicono qualcosa. Con me le battutte Groucho – style non hanno funzionato. Mi sono visto la faccia innondata di fumo, tossire, barcollare ed allontanarmi momentaneamente.Josef: euro? peroni? AHAHAHAHAHHHH! Qui ce ne vogliono 3 e cinquanta! Comunque in questi giorni sto tentando d’uscire di più, temo, però, l’inverno.Josef 2°: evidentemente c’hai le palle d’acciaio.

  6. Flavia ha detto:

    Mò te lo devo proprio dire, leggendo i tuoi commenti sul blog di Giosefino avevo pensato che tu fossi uno studentello fumo e bottiglia il sabato sera. Però mi sorprende leggere che è tutto il contrario. E mi sento più umana quando nei commenti leggo che dava fastidio un pò a tutti qua dentro. Che la birretta ci và benissimo condita da due chiacchere fino a notte fonda, ma se c’è la nebbia in Val Padana sopra fiumi di rum e pera…Beh, arrivederci! E mò voglio proprio vedere che cosa c’è nella quarta puntata…(p.s. Edo le tue battute saranno cazzate e da punti interrogativi sulla testa stile fumetto, ma certe volte fanno ridere davvero!)

  7. Scaglia ha detto:

    Flavia: mai fumato e le bottiglie le uso per innaffiare le piante, ehrehr, in generale sono un ragazzo casa chiesa famiglia, famiglia chiesa casa…Togliamo la chiesa, và.Ieri sera ho notato che una buona compagnia è facile trovarla, a presto posto la 5° avventura.

  8. Pico ha detto:

    Per le nocine, Scaglia, prova ad appoggiare il ginocchio destro sullo scaffale clima-radio-variedeventuali, il piede sinistro sul passaruota (o sulla "apposita sede",come direbbe il pieghevole Ikea =D ) ed il ginocchio sinistro sulla portiera; se non hai una Smart, dovresti riuscire a dar spazio ai gioielli di famiglia 😀 (ed anche a sentirti più saldo). In caso contrario…beh potrai sempre vantarti di averle "belle grosse".Per le sbevazzate con gli amici, conviene allenarti sin d’ora. Che all’università, se vai fuori, si decuplicano. 😛

  9. Flavia ha detto:

    Se non fumi magari coltivi =PE in generale infatti avrei detto tutto, tranne che sei di chiesa!!!

Scrivi pure qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...