Diagnosi

-Lei fa pure recupero dati?
-Sì sì, ci si prova, quando si riesce lo si fa.
-Guardi.-
Con maestria apro il portatile e schiaccio sul pulsante d’accensione.
Bveee bveee bviiiii bveee bveee, sprack
-Vede? Non parte.
-Eh sì, qui è l’hard disk… Come se non ci fosse.-
Mi guarda accennando un sorrisino, mi sento come il bambino che porta l’animaletto ansimante dal veterinario e gli sorge il dubbio d’aver fatto una cazzata, ‘chè forse era meglio tenerselo a casa, l’animaletto ansimante, e dargli l’adeguata sepoltura all’interno delle mura domestiche, non in quelle fredde di un ospedale.
-Che si fa?
-Lo apriamo per vedere che ha questo hard disk.-
Comincia a svitare lo scheletro quando io lo fermo con un cenno della mano:
-Quanto verrà a costare?
-Bhè… Di listino facciamo 25 euro a diagnosi.
-25?
-Sì.
-Vediamo che c’ha sto hard disk.-
Prosegue l’intervento con grande delicatezza.
Apre il coperchio e sotto c’è uno spazio vuoto rettangolare.
-Bhè… Ma qui non c’è l’hard disk!
-Come non c’è?
-Dovrebbe stare qui, non vede?-
Indica lo spazio vuoto rettangolare con il cacciavite:
-Non c’è!
-Ma non è possibile… Sono andato a letto che c’era, che andava… L’ho usato fino a due giorni fa!
-Ah, non so che dirti…
-Aspetti un attimo.-
Prendo il telefono e chiamo il numero di mia madre:
-Mamma? Sì, ciao, sono andato a far vedere il portatile, sì. Sai cosa? Qui manca un pezzo che dovrebbe far andare tutto. No, non c’è… Non c’è! Ora ci guardiamo meglio, sta aprendo del tutto il portatile, ma intanto mi puoi passare Alberto? Non me ne frega… Non me ne frega se è occupato: passamelo. Occhei, allora chiedigli dove CAZZO HA MESSO IL MIO HARD DISK! Dove cazzo l’ha messo! Non è la prima volta che prova a fare una cosa del genere! Dove! Ha! Messo! Quel! Maledetto! Hard! Disk! Chiedigli che cazzo ho fatto per meritarmi una cosa del genere! Che cosa ho fatto?! Tre anni fa m’ha cancellato il disco fisso esterno e quello interno con dentro il racconto di trenta pagine perché gli avevo tirato un pugno nell’occhio, ora perché cazzo mi sono meritato una cosa del
-Trovato! Era nel secondo spazio per il disco fisso…
-Del… del… Mamma, ti richiamo.-
La corale figura di miierda è palpabile e il dottore, con un sorrisetto imbarazzato, ne è consapevole:
-Sai, pensavo fosse un portatile più modesto, ma questo è un Signor portatile, un Signor! Portatile. Guarda, guarda: due spazi per due hard disk. Non me l’aspettavo. Ora vediamo di tirare fuori questo qui e vedere se si riesce recuperare qualcosinnnnhhh.-
Dopo aver svitato le ennesime viti prova a togliere il coperchio dell’hard disk, senza riuscire nell’intento.
Il dottore si porta una mano alla fronte sudaticcia guardando il corpo:
-Strano… Non dovrebbe essere bloccato.-
Ripenso all’animaletto esamine e mi scende una lacrimuccia.
Non riavrò mai più indietro i miei dati.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Diagnosi

  1. io avrei accoppato a colpi di portatile il dianiosta ……………….tu sei troppo buono!

Scrivi pure qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...