Le ricette della Dionaea Muscipula Affamata – 1

Le ricette della Dionaea Muscipula Affamata.

Nome piatto:

La Bolitophila Arrotolata”

Ingredienti:

  • 1 piadina tradizionale (marca a piacere);
  • 3 foglie di radicchio (belle rosse);
  • 1 hamburger di carne bovina;
  • ketchup;
  • maionese;
  • 1 mozzarella;
  • sale;
  • aceto balsamico;
  • olio.

Iniziamo:

Cominciate a cuocere l’hamburger su una padella antiaderente con un filo di olio e un pizzico di sale come base.

Su un’altra padella mettete a riscaldare la piadina a fuoco basso fino a quando non la sentite morbida (non dev’essere croccante), a quel punto toglietela dal fuoco.

L’hamburger dev’essere leggermente al sangue, quindi toglietelo dalla padella.

Tagliate le foglie di radicchio in filamenti disomogenei.

Prendete le foglie/filamenti e infilatele dentro la padella con cui avete cotto l’hamburger, aggiungetevi un cucchiaino d’olio, pizzico di sale e un filo d’aceto.

Cuocete il radicchio a fuoco basso, lasciategli assorbire l’aceto, finché il suo colore non diventa un viola spento.

A quel punto tirate via il radicchio dalla padella e sparpagliatelo sulla piadina.

Tagliate l’hamburger a pezzetti piccoli, potete anche triturarlo con la forchetta.

Mettete anche la carne sulla piadina.

A questo punto siamo a metà dell’opera.

Prendete un cucchiaino scarso di maionese e spargetelo delicatamente sulla carne (che a sua volta si trova sul radicchio cotto); allo stesso modo schizzate due o tre colpetti di ketchup.

A questo punto la mozzarella: tagliatene metà del pezzo che avete preso (qualsiasi sia la sua dimensione). Della metà tagliatene un’altra metà.

Una metà la tagliuzzate in tanti pezzetti e spargete quest’ultimi sulla piada.

L’altra metà la riscaldate in microonde fino a renderla filamentosa ma ancora consistente (850° per 15 secondi vanno benissimo).

Prendetela ed allungatela sul condimento della piadina.

Versate sul tutto gocce abbondanti d’aceto balsamico.

Da qui il passo è breve:

arrotolate la piadina in modo da avere un cilindro dalle basi bucate.

Ciò che scegliete come base inferiore dovete chiuderla con la parte della piadina in eccesso e non invasa dal condimento.
La fase è delicatissima, in quanto da questa dipende la riuscita dell’intero piatto. Se la chiusura non regge rischiereste di perdere tutto il contenuto sulla tovaglia.

Una volta riuscita la chiusura il pasto è pronto.
Buon appetito.

Riflessioni del cuoco ed ideatore del piatto:

<<Adattissimo per pranzi veloci e che richiedono pochi, ma essenziali, ingredienti. Il tempo impiegato per la creazione di questo piatto sta alla velocità con cui lo si mangia quanto 25 sta a 4. Statistica invidiabile e da non sottovalutare. Curiosa la -mia stessa- scelta d’usare il radicchio rosso, dal sapore forte e in aperto contrasto con la mozzarella, più delicata e soffice al tatto.

Buona alternativa all’aceto può essere la salsa di soia.

Questo piatto mi riporta alla mente la mia infanzia: ero da solo a casa, preso da una bruttissima febbre e da un raffreddore micidiale, in frigo avevo ben poco e, con quel poco, riuscii a rievocare un piatto del genere.

Ad essere sincero non l’ho più ripetuto da quella volta, e al periodo ero raffreddato e i gusti li distinguevo pochissimo…. Non… so… [riaggancia].>>

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Scrivi pure qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...