D’eroismo d’erosione: Young Tivvì

-Da questa parte abbiamo l’elemento più curioso del progetto. Ha acquisito la capacità di immagazzinare le informazioni ricevute dai programmi culinari sotto forma di energia da metabolizzare come se fosse vero e proprio cibo. È iniziato tutto un anno fa, quando è riuscito a collegarsi al digitale terrestre col televisore, un “A tavola con Mamma Sara” qui, un “Kitchen’s Survivor” là, un “Una stella Michelin per lo Chef Bob” quando poteva, e s’è ritrovato completamente dipendente dalla cucina mediatica. Secondo la testimonianza della madre smise pure di mangiare a tavola, i dati che era riuscito a racimolare l’avevano reso un sapiente conoscitore del gusto e della cucina, solo i piatti più raffinati dei menù più pregiati lo accontentavano abbastanza per saziarsi. Ma non era quello che voleva, lui aveva bisogno delle stesse persone di cui era diventato morbosamente affezionato, pretendeva che le stesse mani che poteva ben vedere ma non toccare fossero quelle disposte a preparagli da mangiare. Non era un problema di gusto, ma di professionalità, di capacità comunicativa, di emotività.
-Cristo santo, un fottuto obeso schizzato.
-Non è esattamente il termine più appropriato, ma sì, ci sei andato vicino. Il suo corpo ha reagito nel modo più inaspettato: pian piano ha cominciato a mutare i dati catturati dalla retina oculare in energia con cui tenere in vita il corpo.
-Quindi ha smesso di mangiare?
-Ecco… tecnicamente sì. Non produce nemmeno più prodotti metabolici di scarto, come feci ed urina.
-E perché cazzo è così grosso?
-Prima di questa mutazione soffriva di obesità patologica, non muovendosi quasi mai non riesce a smaltire il grasso in eccesso, l’energia che si procura attraverso i programmi televisivi gli basta per sopravvivere, ma fa anche in modo che il corpo rimanga della stessa stazza.
-Riesce a spostarsi autonomamente?
-Sì, quello non è un problema, a creare difficoltà è la sua corporatura, come dire… ingombrante.
-Porca troia, gli avete costruito un cesso su misura, immagino.
-Il bagno – pur usandolo raramente – non è stata l’unica cosa su misura che gli abbiamo costruito; tutto l’appartamento ha le proporzioni adatte per…
-Per un elefante.
-Lo vuole vedere?
-Sì, voglio farci due chiacchiere. Avete già pensato ad un uso valido all’interno dell’organizzazione?
-Abbiamo testato le sue capacità: a quanto pare riesce a verificare con una buona percentuale di successo la veridicità dei dati con cui viene a contatto, te lo cito direttamente “il cibo è l’essenza del nostro essere, tutto ciò che riguarda la nostra vita è collegato al cibo, se si riesce a conoscere abbastanza profondamente questo delicato tassello, tutto il resto diventa automaticamente una passeggiata”. Purtroppo la portata non va oltre il campo televisivo, quindi questo rimane l’unico mezzo con cui potremmo interagire con il suo potere.
-Ma ha superato il test psicologico? Una persona che fa un discorso del genere non può che essere matto.
-Sì, l’ha superato, secondo la dottoressa Mirs è adatto all’organizzazione. Ha un carattere… non comune, ma non dovrebbe dare troppi problemi.
-Bene, è qui dentro?
-Camera 43, suoni due volte e la porta si apre automaticamente.
-A proposito: come l’avete chiamato?
-Se l’è scelto lui il nome: Young Tivvì.
-Grandioso.

Non appena entrati i due agenti dell’organizzazione governativa si ritrovarono in un locale dalle proporzioni ben superiori al loro standard.
L’uomo si sentì a disagio, gli sembrava di aver cambiato la percezione delle cose: gli spazi erano ampi oltre l’eccessivo, non vi erano porte ma solo buchi nelle pareti, il tavolo era spesso il triplo di uno normale, le sedie sembravano monumenti marmorei costruiti da chi non aveva idea delle dimensioni umane.
L’appartamento, per quanto grande, era privo di qualsiasi arredamento, scarno e bianco, come se fosse stato appena comprato. La cucina, la stanza centrale, era occupata da un solo, piccolo, frigo.
-È pieno d’acqua, ma l’ho visto bere solo una volta.
Disse prontamente la donna.
Da dietro l’angolo si poteva notare una fascio di luci azzurrognole illuminare lievemente la parete.
Nella stanza dei televisori gli agenti furono al cospetto di Young Tivvì.
Era seduto su uno sgabello dal diametro di un metro e mezzo, forse qualcosa più e stava guardando contemporaneamente 9 schermi disposti l’uno di fianco l’altro.
-Penso… Penso siano tutte e nove le stagioni di “La griglia della morte”.
-Occhei, quindi questo è Young Tivvì?
-Esattamente.-
Young Tivvì era l’essere umano più grosso che l’uomo avesse mai visto.
Un monumento di carne flaccida sorridente, un gigante obeso incurante della loro presenza.
-Ma ci può sentire?-
Chiese l’uomo.
-Sì, ma è molto timido, tende a parlare poco.
-Nessun problema. Ha gli occhi dannatamente rossi. Quanto tempo passa qui davanti?
-Questo è un dettaglio che mi sono scordata di dirle.
-Cosa?
-Young Tivvì fuma frequentemente erba per… per stimolare una fame capace di reggere la mole di cibo a cui va incontro ad ogni “seduta”. Non sappiamo se sia vero, ma non ha voluto sentire obbiezioni. Ecco.-
L’uomo si rese conto che la giornata era appena iniziata.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in fumetti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a D’eroismo d’erosione: Young Tivvì

  1. Rocco R. ha detto:

    Questa sublimazione fisico-mediatica è davvero gradevole, quando nutrirsi d’aria è roba da poppanti.

  2. johnnystecchino ha detto:

    Che potere assurdo! Sembra di essere in un manga…

    • zanzathedog ha detto:

      Nella versione manga Young Tivvì si sarebbe scoperto un emarginato e si sarebbe tolto la vita, o si sarebbe messo una benda sull’occhio e avrebbe finto quattro diverse personalità: quella buona, quella schizzata, quella moe e quella che crede nell’umanità.
      Poi l’editore avrebbe chiuso tutto per scarse vendite.

Scrivi pure qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...