Memorie di Todd Hoover – 18 Giugno, 22:56

Diario di Todd Hoover – 18 Giugno, 22:56

Tutt’ora distinguo chiaramente l’inappropriato imbarazzo che mi procurò quella domanda. Mi sentii pervaso da un deprimente senso di colpa, ebbi bisogno di alcuni secondi per accorgermi che dovevo aver capito male.
La ragazza non poteva sapere dell’M-1808, come io non potevo sapere che l’M-1808 si era fatto una discreta fama in tutta la nazione: era sulla bocca di tutti, ben protetto da un tacito accordo comune.
Le dicerie riguardo l’esistenza dell’M-1808 si erano diffuse velocemente nelle Case Amorfe, diventando leggende urbane correlate all’uso prolungato di Nestly in modalità encefalica. Si diceva che la droga fosse un medicinale militare prodotto dalle Unioni Sovietiche; una proteina ottenuta da un’alga marina dell’Arcipelago delle Australi; un composto chimico sintetico scoperto per caso da un chimico albanese; un miscuglio alcolico distillato in Africa da una miscela di resine; un impulso elettrico localizzato nel cervello e – il mio preferito – uno stato psicofisico ottenibile attraverso un trattamento d’ipnosi all’interno dell’area più profonda di coinvolgimento ludico di Nestly.
Drogarsi giocando online, in parole povere.
Nessuna di queste insinuazioni si avvicinava lontanamente alla realtà delle cose, alla vera identità dell’M-1808; la cui caratteristica principale, comunque, era – e rimane – l’indeterminatezza.
Samantha mi affrontò con una spaventosa sicurezza, i suoi denti fecero capolino tra le labbra con un’eleganza soprannaturale poco prima di scomparire dietro al tatuogramma che le nascose il viso.
Alla vista di quella maschera mi sentii perso e da tale mi comportai; sprofondando all’interno dei miei pensieri provai un bruciore dilagante nella pancia, come una nebbia ardente in espansione tra i polmoni e l’intestino.
Tutto d’un tratto ero diventato vecchio e stupido, un arbusto di albero in fiamme, consumato dal corso degli eventi che io stesso mi ero procurato.
La colpa era mia, non del… “fato”, come a tanti piace pensare.
Non ricordo cosa le dissi.
E lei si rifiuta ancora di ripetermelo.
Non ricordo proprio.
Fine Registrazione.

Occhiolino

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Memorie di Todd Hoover – 18 Giugno, 22:56

  1. Jacopo Marocco ha detto:

    Ciao,
    ho nominato il tuo blog al Liebster Award (http://jacopomarocco.wordpress.com/2014/02/15/nomination-liebster-award/): sicuramente già sai di cosa si tratta, in ogni caso è tutto spiegato nel post.
    Ciao
    Jacopo

Scrivi pure qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...